Scania: eHighway italiana, progetto verso le zero emissioni

Martedí, 8 Gennaio 2019

Solo qualche giorno fa è stato presentato a Bruxelles un documento strategico da parte del vicepresidente dell'esecutivo comunitario all'Unione dell'energia Maros Sefcovic e del commissario al clima Miguel Arias Canete, che vede l’UE in posizione di leadership globale sulla lotta al cambiamento climatico, partendo dalla realizzazione degli accordi di Parigi. L’obiettivo ambizioso è quello di avere un’Europa a impatto zero sul clima entro il 2050, raggiungendo il livello di zero emissioni nette a effetto serra. Il documento prevede una combinazione di tanti elementi di intervento congiunti quali mobilità alternativa, rinnovabili, economia circolare, efficienza energetica, biocarburanti, idrogeno ed e-carburanti, con il coinvolgimento del settore dei trasporti, agricolo e forestale, così da riuscire a raggiungere una compensazione totale della CO2 prodotta. Perfettamente in linea con i propositi europei si è inserito il workshop organizzato oggi, proprio a Bruxelles, da parte di CAL (Concessioni Autostradali Lombarde) e A35 Brebemi dal titolo “eHighway per il trasporto elettrico delle merci”, che ha visto la partecipazione di tutti i partner del progetto pilota italiano, quali Regione Lombardia, Politecnico di Milano, Scania, Siemens oltre che di rilevanti testimoni europei di realtà del settore come Nils-Gunnar Vågstedt Chief Engineer Electromobility presso Scania CV AB, Michael Lüken VDI/VDE Innovation and Technik GmbH, Future Technologies e Jan Pettersson, Trafikverket, Swedish transport administration, Director at Strategic development. Durante il workshop sono intervenuti importanti rappresentati della Commissione Europea come Antongiulio Marin, Deputy Head of Transport Investment Unit, DG Mobility and Transport; Axel Volkery, Policy coordinator clean transport, DG Mobility and Transport e Carlo Secchi, TEN-T Atlantic Corridor Coordinator. In questa mattinata di incontri e di aggiornamento si è parlato del contesto istituzionale ed ambientale in cui sta avanzando il progetto pilota di elettrificazione di A35 Brebemi, della maturità tecnica di questa soluzione sia per quanto riguarda l’infrastruttura che per quanto riguarda i mezzi (trucks), delle esperienze di successo già in corso in Europa e di come la Commissione Europea possa concretamente sostenere questo percorso, così rivoluzionario nell’ambito della mobilità delle merci in Italia (e non solo). Il progetto pilota prevede l’elettrificazione della A35 tra i caselli di Romano di Lombardia e Calcio (Bg) dove verranno installate delle linee di corrente per l’alimentazione dei veicoli predisposti. Il passo successivo sarà un’autostrada ad economia circolare con la produzione di energia elettrica attraverso pannelli fotovoltaici lungo la tratta.

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:


ISCRIVITI

Commenti:

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok