UNRAE / Franco Fenoglio e Sandro Mantella si dimettono nel silenzio più assordante

Lunedí, 24 Agosto 2020

Un silenzio assordante ha accompagnato questa estate le clamorose dimissioni di Franco Fenoglio (nella foto) dal Consiglio Direttivo di Unrae e contestualmente dal ruolo di Presidente della Sezione Veicoli industriali a partire dal 31 luglio 2020, seguite qualche giorno dopo da quelle di Sandro Piero Mantella dal ruolo di Coordinatore della Sezione Rimorchi, Semirimorchi e Allestimenti della stessa Unrae. Sono stati i due diretti interessati a comunicare le loro irrevocabili decisioni senza alcun comment ufficiale da parte dei vertici di Unrae, il Presidente Michele Crisci e il Direttore Generale Andrea Cardinali.
La nota diramata da Franco Fenoglio, Presidente e Amministratore di Italscania, recita: “È stato per me un grande onore rappresentare il settore dei veicoli industriali in tutti questi anni. Credo però sia giunto il momento di rassegnare le dimissioni e lasciare che qualcun altro assuma la guida della sezione con un nuovo progetto per il prossimo triennio. Vorrei ringraziare Unrae, gli associati, le istituzioni, le associazioni di settore, la stampa, le aziende di trasporto e di logistica e tutti coloro che hanno collaborato con la Sezione Veicoli industriali in questi anni. Mi auguro davvero che, anche grazie al lavoro di Unrae, il settore del trasporto possa continuare a godere della giusta attenzione ed acquisire sempre più importanza”.
Sandro Piero Mantella, Amministratore Delegato di Lamberet Italia, dimissionario dal 3 agosto, ha scritto nella sua nota nel comunicare le sue dimissioni: “Vorrei sapeste che per me è stato un grande privilegio coordinare la Sezione Rimorchi, Semirimorchi e Allestimenti per tutto questo tempo. Vorrei ringraziare tutti, Unrae, gli associati, le associazioni di settore, la stampa, le aziende di trasporto e logistica, e tutti quei professionisti che hanno collabora con la Sezione Rimorchi, Semirimorchi e Allestimenti di Unrae in questi anni. L’augurio che rivolgo all’Associazione è che possa trovare l’ispirazione e le «chiavi» giuste per dare alla sezione che ho coordinato fino a qualche giorno fa, la giusta attenzione e farle acquisire sempre più importanza”.
Nessuno dei due spiega i motivi della grave decisione nè i massimi responsabili dell’Unrae hanno sentito la necessità fino ad oggi di fare un commento sulla perdita di due personaggi così importanti per una parte delle attività dell’associazione. Noi che da moltissimi anni seguiamo la vita dell’Unrae soppiamo bene che prima dell’avvento di Franco Fenoglio e di Sandro Mantella alla guida delle due Sezioni dell’Unrae, le problematiche legate ai trasporti e alla logistica erano state parecchio trascurate a tutto vantaggio di quelle legate al settore dell’auto.
Il lavoro che in questi ultimi anni hanno portato avanti Franco Fenoglio e Sandro Mantella è stato emplicemente straordinario per portare all’attenzione delle istituzioni e dell’opinione pubblica i tanti problemi che rende poco competitivo sullo scenario internazionale il settore italiano dei trasporti e della logistica. Sono stati numerosi gli incontri e le iniziative ai quali hanno dato vita Fenoglio e Mantella con passione, entusiasmo e competenza, cercando di far capire quanto sia determinante per la vita del Paese il settore dei trasporti e della logistica efficiente e competitivo. Dispiace che l’esperienza e l’entusiasmo di questi due personaggi non siano più disponibili per le attività dell’Unrae.
Magari scopriremo le stesse competenze in altri personaggi che subentreranno nelle stese cariche, importante è che l’Unrae mantenga desta l’attenzione sul settore dei trasporti e della logistician cui sono coinvolti migliaia di aziende e di lavoratori alle prese spesso con problem di sopravvivenza, ancor più oggi con le terribili conseguenze del post Covid. Attendiamo un comment dei vertici dell’Unrae su questa incresciosa situazione.

 

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:


ISCRIVITI

Commenti:

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok