FEDERAUTO TRUCKS / Gianandrea Ferrajoli: "Rivoluzione digitale unica via per cambiare"

Mercoledí, 27 Maggio 2020

"La ripartenza che affronteremo sarà caratterizzata da una fase di forte recessione che sarà, al contempo, anche un grande acceleratore per il mondo del business e per il mercato della logistica e dei trasporti in particolare. In generale, si affermerà il modello darwininano per cui saranno le imprese più orientate al cambiamento e più veloci nella capacità di trasformazione, soprattutto digitale, a riuscire a sopravvivere a questa crisi sanitaria ed economica. Oggi diventa indispensabile adottare un approccio basato sulla cultura del bilancio e dei KPIs, con un monitoraggio attivo e digitalizzato su tutti i processi della filiera".
Questa è la premessa dell'analisi sui trasporti e la logistica, tracciata dal Vice Presidente di Federauto Trucks, Gianandrea Ferrajoli (nella foto).
Il numero due di Federauto prosegue, affermando: "L'impatto del Covid-19 durerà almeno 2 anni, secondo la mia visione, alla fase pandemica seguirà una recessione molto dura, il cui vero impatto non è attualmente visibile nei mercati perché siamo solo all'inizio, ma la prolungata inattività forzata delle aziende produrrà dei numeri altamente negativi che ci faranno entrare in recessione. A quel punto avremo un innalzamento della disoccupazione e un conseguente "liquidity crunch, la liquidità diventerà a breve l'asset più importante e ricercato". Secondo le previsioni più estreme il 20% dei settori, soprattutto quelli maturi, potrebbe o scomparire o digitalizzarsi completamente.
Lo scenario non è ancora chiaro ed è in continuo cambiamento; dobbiamo continuare ad avere una visione di lungo periodo cercando però di averne anche una sul breve periodo, con la priorità di salvaguardare l'asset più importante: la cassa. Siamo in una situazione in cui il 30% delle aziende indica che il fatturato si abbasserà di oltre il 50% nei prossimi 60 giorni.
Sono quindi due le domande che si deve porre oggi un’azienda: chi voglio essere durante questa pandemia e chi voglio essere quando sarà finita.
Ferrajoli, entrando nel merito della questione, prova a dare alcune risposte, precisando: "Si evidenzia quindi la strategicità del settore dei trasporti e della logistica: la pandemia ha messo in evidenza il ruolo centrale dei trasporti e della logistica, la grande crescita dell'e-commerce - che continuerà a crescere anche a fine lockdown - sarà la spinta propulsiva per la trasformazione digitale del settore. Nel mentre, il processo di digitalizzazione e innovazione cambierà il settore in maniera irreversibile, guidato dalle startup ad alto valore tecnologico che avranno un ruolo di advisor tecnologico per le PMI. Per questo motivo, le aziende del trasporto e della logistica che sono già dotate di cultura e strumenti digitali avranno un vantaggio competitivo incolmabile". 

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:


ISCRIVITI

Commenti:

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok