BUS TURISTICI / In Lombardia ottomila impiegati fermi e senza futuro

Martedí, 5 Maggio 2020

Sono 8mila gli addetti lombardi del settore dei bus turistici a noleggio a rischio del posto di lavoro e fermi da due mesi, 400 le aziende presenti sul territorio bloccate con 6mila pullman lasciati nei parcheggi, per un fatturato di oltre 600 milioni di euro completamente azzerato. Questi i dati della crisi coronavirus, che ha travolto il comparto dei bus turistici a noleggio in Lombardia. L’allarme arriva dai rappresentanti regionali del Comitato Bus Turistici Italiani, primo raggruppamento nazionale di aziende del settore, che si è costituito proprio per tentare di resistere alla crisi imposta dal lockdown. “Siamo al collasso - spiegano Grazia Perego e Alessandro Cella, rappresentanti lombardi del Comitato Bus Turistici Italiani - per noi, qui in Lombardia, il blocco totale è arrivato due settimane prima rispetto al resto d’Italia. Il 21 febbraio, nel giro di 24 ore, abbiamo visto la cancellazione di tutte le attività, nazionali ed europee. E soprattutto ci stiamo chiedendo, considerate le circostanze, chi vorrà più prendere un pullman in futuro?”. Oltre a dover vivere l’azzeramento di una qualsiasi pianificazione, gli addetti ai lavori chiedono per il presente misure urgenti. “Non è possibile che la cassa integrazione sia prevista solo per nove settimane, deve continuare finché dura questa crisi - proseguono i rappresentanti - ci sono famiglie che non sanno se avranno mai più un’entrata a fine mese. Non abbiamo al momento alcun tipo di sgravio fiscale, i nostri mezzi sono fermi e lo saranno chissà per quanto tempo ancora, avranno un valore dimezzato. Chiediamo alle istituzioni che, alla crisi attuale, non si aggiungano ulteriori perdite”. 

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:


ISCRIVITI

Commenti:

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok