PVT GROUP / Un nuovo progetto per sperimentazione veicoli a guida autonoma

Lunedí, 16 Dicembre 2019

Le città di tutto il mondo stanno testando minibus a guida autonoma e veicoli navetta. Ma cosa è necessario per passare da queste operazioni di test, ancora molto limitate, a opzioni regolari nei trasporti pubblici? Questo è stato al centro del progetto di ricerca "LEA (mini) bus" finanziato dal Ministero federale tedesco dei trasporti e delle infrastrutture digitali.
Sotto la direzione del gruppo PTV, questo progetto di ricerca ha esaminato i prerequisiti e le possibilità di spiegamento degli autobus (mini) automatizzati ed alimentati elettricamente nei trasporti pubblici. Nel processo, gli scienziati hanno illuminato l'argomento da tutte le angolazioni: a partire dallo status quo e dagli attuali ostacoli fino alla necessaria sofisticazione tecnica. Dalla progettazione dell'infrastruttura e degli aspetti legali, alle questioni relative al funzionamento e all'efficienza in diversi settori fino all'accettazione nella società. L'esame ha incluso esperienze precedenti di operazioni di test internazionali, nonché interviste con esperti e sondaggi di autorità e popolazione.
Un componente importante dello studio era anche un'analisi virtuale delle varie possibilità di spiegamento per veicoli completamente automatizzati e connessi. Come potrebbe essere il normale funzionamento, quando tutti gli ostacoli sono stati superati? Utilizzando un modello di transito reale per la regione di Stoccarda, creato con PTV Visum, i ricercatori hanno esaminato tre diverse aree di transito: una zona residenziale ai margini di una grande città con collegamento ferroviario pendolare. Una città di medie dimensioni con area centrale e quartieri periferici, e una comunità rurale. Due scenari che ci presentano situazioni differenti. Da un lato, servizio regolare con un orario e fermate fisse; dall'altro lato, il cosiddetto trasporto su richiesta orientato alla domanda con minibus senza orari e fermate fisse. In entrambe le situazioni, utilizzati veicoli completamente automatizzati ed elettrici.
La simulazione che ha tenuto conto della reale domanda di trasporto, è stata in grado di dimostrare che l'uso di veicoli a guida autonoma nel trasporto pubblico, in particolare i minibus, apre una moltitudine di nuove possibilità per progettare nuovi servizi e offerte. Inoltre, a determinate condizioni, può ridurre significativamente i costi operativi rispetto all'attuale trasporto pubblico.
Christoph Walther di PTV, spiega: “In particolare, esiste un potenziale significativo per il trasporto "on demand", senza conducente, nelle aree rurali dove la domanda è debole, e dove oggi ci sono pochi autobus. Nell'ambiente urbano, le aree e i tempi periferici possono essere serviti bene. Tuttavia, non appena c'è una forte domanda e ci sono solo limitate possibilità di raggruppare i viaggi, improvvisamente sono necessarie flotte di veicoli molto grandi che rendano l'operazione più efficiente. Indipendentemente dal fatto che si tratti di grandi città o comunità rurali, la chiave è sempre le condizioni reali sul posto. Ecco perché le simulazioni che dimostrano i possibili effetti delle distribuzioni dei veicoli, sono strumenti particolarmente importanti". 

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:


ISCRIVITI

Commenti:

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok