CONTINENTAL / Centro Studi immatricolazioni, crescono gli autobus, ma cala mercato veicoli pesanti

Giovedí, 9 Aprile 2020

Nel 2019 in Italia le nuove immatricolazioni di autobus sono state 4.321, con una crescita del 31,3% rispetto al 2018. Sempre nel 2019 le immatricolazioni di veicoli pesanti (e cioè con peso totale a terra superiore a 16 tonnellate) per il trasporto merci sono state 19.605, con un calo del 30,7% rispetto al 2018. Questi dati emergono da un’elaborazione del Centro Studi Continental su dati Aci.
Secondo quanto emerge dai dati elaborati dal Centro Studi Continental, le immatricolazioni di autobus nel 2019 sono aumentate, dopo il calo sostenuto registrato nel 2018. Viceversa la diminuzione delle immatricolazioni di veicoli pesanti per il trasporto merci del 2019 segue ad un aumento registrato nel 2018.
L’elaborazione del Centro Studi Continental fornisce anche una graduatoria delle regioni in base alla percentuale di crescita delle immatricolazioni. In testa alla graduatoria delle regioni in cui nel 2019 le immatricolazioni di autobus sono crescite di più c’è la Sardegna, passata da 8 immatricolazioni nel 2018 a 147 nel 2019 (+1.735,5%); seguono Sicilia (+325%) e Abruzzo (+300%). In graduatoria ci sono anche alcune regioni in cui le immatricolazioni di autobus sono calate, ad esempio Valle d’Aosta (-69,7%), Trentino Alto Adige (-58,5%) e Calabria (-45,4%).
Nel comparto degli autobus, invece, tutte le regioni presentano dati negativi: si va dal –16,3% fatto registrare dalla Sicilia al -63,4% della Valle d’Aosta. 

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:


ISCRIVITI

Commenti:

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok