NCC / Giorgio Dell'Artino, 'Da Conte attendiamo risposte concrete e immediate'

Mercoledí, 18 Novembre 2020

“Aspettiamo risposte concrete e soprattutto immediate dal premier Conte. E’ stato un faccia a faccia positivo, ma dopo le parole c’è bisogno dei fatti”.
Queste le parole di Giorgio Dell’Artino (nella foto), responsabile del Coordinamento Nazionale NCC- Noleggio con conducente, dopo l’incontro avuto a Palazzo Chigi con il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, la sera di venerdì 13 novembre a conclusione della lunga camminata con i Ristoratori Toscana che da Firenze li ha portati a Roma.
Dell'Artino non nasconde la sua soddisfazione per un incontro accettato e per una voce che, almeno, è stata ascoltata: “Siamo felici di essere stati ascoltati con tanto interesse dal Presidente del Consiglio, che sembra abbia capito la nostra estrema difficoltà e la profonda crisi economica in cui versano le aziende di noleggio con conducente. Adesso non sappiamo più a chi appellarci, aspettiamo solo risposte e soprattutto aiuti per sopravvivere”.
Tre le richieste più urgenti. Un aiuto a fondo perduto che copra un periodo di tempo sufficientemente lungo.
Dell'Artino prosegue, affermando: “Il turismo internazionale è la nostra clientela principale e i flussi riprenderanno a livelli sostenuti solo nel 2023. A poco servono bonus vacanze che hanno effetti solo sul turismo nazionale. E ancora, un anno bianco per le tasse di ogni tipo: “Non possiamo pagarle perché non abbiamo fatturato. Questo ci deve essere riconosciuto. Il contributo del 10% sul minor fatturato che ci spetta permette solo di sopravvive”. Ultima richiesta di natura economica, l’estensione del periodo di ritorno per prestiti, mutui e leasing. Cinque anni sono pochi considerate le prospettive di ripresa del settore turistico”.
Il confronto si è poi spostato sulla riforma del settore e in particolare su un articolo del codice della strada, 85 comma 4. Secondo Dell'Artino, "a parità di infrazione prevede una profonda disparità di trattamento: per i taxi solo sanzione amministrativa, per gli Ncc il ritiro del libretto per due mesi. Veniamo trattati al pari degli abusivi. Le nostre istanze sono arrivate a chi ha il potere di accoglierle e di aiutarci. Ci auguriamo che questa volta i lavoratori e le loro famiglie possano avere risposte e finalmente un po’ di serenità”. 

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:


ISCRIVITI

Commenti:

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok