MERCATO VAN / Il 2017 non raggiunge i volumi del 2016

Venerdí, 12 Gennaio 2018

Dopo 3 anni consecutivi di crescita, il comparto degli autocarri fino a 3,5 t registra nel 2017 un calo delle vendite. Secondo i dati elaborati e diffusi dal Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE, infatti, con 193.812 immatricolazioni di nuovi veicoli, il mercato dei veicoli da lavoro segna un -3,3% rispetto alle 200.435 unità del 2016. Incisiva sugli oltre 6.500 veicoli in meno venduti rispetto allo scorso anno, è stata anche la performance di dicembre che ha marcato una flessione del 19,3%, registrando 23.050 unità contro le 28.552 di dicembre 2016, conseguenza anche di un effetto confronto con l’anno precedente, quando dicembre, in attesa della proroga del Superammortamento, registrò un incremento del 94,2% sul dicembre 2015. Il 2017 è stato caratterizzato da un andamento altalenante, in cui si sono avvicendati forti cali, prevalentemente nella seconda metà dell’anno, e incrementi a doppia cifra. Buona parte delle vendite è stata sostenuta dalle agevolazioni fiscali all’acquisto di beni strumentali del Superammortamento e della Legge Sabatini. Dall’analisi per canale di vendita, si evince, dopo l’ottima performance del primo semestre, un rallentamento nella seconda parte dell’anno del noleggio che registra complessivamente un calo del 5,9%. Stesso risultato per i privati che si attestano su un -6,0%. A bilanciare il risultato delle vendite complessive, la forte spinta delle autoimmatricolazioni, in crescita di oltre il 70%, nel canale delle società (-1,6%). Dall’analisi condotta dal Centro Studi e Statistiche UNRAE sul parco circolante (fonte ACI) emerge che, come per le autovetture, la maggior parte dei veicoli più vecchi si trova al Centro-Sud, con la Calabria che ha più della metà dei veicoli commerciali del proprio parco (53,0%) ante Euro 3, seguita dalla Sicilia (49,4%) e dalla Campania (48,7%) che sfiorano il 50%. Dall’analisi combinata tra le province a più alto parco circolante e maggiore quota di vetture ante Euro 3 emergono la provincia di Cosenza composta per ben oltre la metà da vetture ante Euro 3 (più di 17 anni di vita) seguita da Catania e Napoli. Tra le principali province italiane, infine, tutte sotto la media italiana (36,2%), le più virtuose sono Firenze con il 18,3%, Milano (26,1%) e Bologna (31,0%).

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:


ISCRIVITI

Commenti:

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok