LUTTO / Addio a Peppino Ferrajoli, fondatore della Mecar

Martedí, 12 Maggio 2020

Precursore dei tempi, imprenditore pionieristico, a Giuseppe Ferrajoli (che però tutti chiamavano affettuosamente Peppino), scomparso venerdì scorso a 77 anni, si deve lo sviluppo della logistica in Campania. Originario di Sant’Egidio del Monte Albino, tra l'Agro nocerino-sarnese e l'entroterra della costiera amalfitana, cresce accanto al padre, ingegner Francesco, che alla passione per le auto univa l’intuito per lo sviluppo della logistica. Peppino con i fratelli Luigi e Diego proseguì l’attività del padre nella distribuzione di vetture e camion Fiat nel territorio di Salerno, contribuendo a far diventare l’azienda di famiglia una realtà imprenditoriale più che solida. Nel 1986, con lo spin-off e la nascita di Iveco da una costola della Fiat, fonda la Concessionaria Mecar, in pochi anni leader di mercato sul territorio. Una crescita proseguita negli anni grazie al boom della logistica nel Polo di Salerno, con lo sviluppo di aziende di trasporto che, da pochi veicoli, si sono evolute in flotte dimensionate, varcando i confini nazionali, e supportata dall’arrivo in azienda del figlio Gianandrea, rientrato nel 2003 dopo esperienze professionali all’estero. Negli ultimi anni e fino a due settimane prima della scomparsa, Peppino Ferrajoli si occupava della parte finanziaria dell’azienda. Lascia la moglie Maria Giuseppina, i figli Gianandrea e Sara e i tanti dipendenti, che riteneva la sua famiglia acquisita.  

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:


ISCRIVITI

Commenti:

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok