UNRAE / A dieci laureati d'Italia il premio per le tesi sulla mobilità

Martedí, 1 Dicembre 2020

Ogni anno, si svolge quest'importante iniziativa accademica, giunta quest'anno alla ventesima edizione. Finora, sono state assegnate ben 175 Borse di Studio.
Otto diversi atenei di provenienza (Modena, Napoli, Torino, Verona, Venezia, e tre di Roma), quattro macro-aree di studio: ingegneria, economia, scienze politiche, marketing e comunicazione, un forte focus su innovazione, digitalizzazione e sostenibilità rappresentano la “carta di identità” dei 10 vincitori delle Borse di Studio UNRAE per neolaureati nell’anno accademico 2019-2020 che sono stati annunciati oggi.
“Pur nell’eccezionalità di un anno come questo segnato dal Covid che ha avuto effetti importanti anche nel mondo dell’istruzione e della ricerca – ha commentato il Presidente di UNRAE Michele Crisci – abbiamo sentito ancor più forte l’impegno di supportare il mondo
dell’Università e della ricerca, avviato ormai 20 anni fa”.
Dalla prima edizione del 2000 a oggi l’UNRAE ha premiato 175 studenti che hanno dedicato le loro tesi di laurea a temi legati all’automotive e alla mobilità. Anche quest’anno la Borsa di
Studio consisterà in un premio di 1.200 euro e nella possibilità di effettuare uno stage presso una Casa automobilistica associata all’UNRAE, oltre all’opportunità di partecipare al Master
Marketing Automotive organizzato dall’Accademia Editoriale Domus (AED) con Quattroruote.
I temi delle tesi di quest’anno rispecchiano il dibattito, politico e tecnico, di attualità oggi sul settore. In particolare, due lavori sono dedicati alla guida autonoma, due sono più focalizzati sulla
digitalizzazione e l’innovazione allargata nel settore, due presentano un taglio ambientale legato alla decarbonizzazione del trasporto e, ancora, due tesi di argomento economico, una sull’analisi degli impatti positivi dei sistemi di incentivazione per l’auto elettrica e una sul comparto delle flotte aziendali. Completano il quadro due tesi su marketing strategies e brand experience.
“Ogni anno – ha concluso il Presidente Crisci – con questo premio riusciamo non solo a fare una ricognizione dei punti di vista che il mondo accademico rivolge al settore automobilistico in senso ampio, ma anche a valutare l’interesse dei giovani laureati per il nostro settore come argomento di ricerca ma anche come possibile sbocco professionale, due forti incentivi sempre vivi, fornendo alle Case automobilistiche spunti di riflessione, supporto di ricerca e risorse umane brillanti e qualificate”.
I neolaureati vincitori sono: 1- Leonardo Bertoldi (108/110), Università Ca' Foscari Venezia, 2- Achille Carlomagno (110/110 e lode), LUISS Roma, 3- Stella Cursio (110/110 e lode), Università degli Studi di Roma Tre, 4- Paolo De Joannon (110/110), Università degli Studi "La Sapienza" Roma, 5- Daniele Di Corso (110/110 e lode), Università degli Studi di Torino, 6- Daniela Florencia Fardello (110/110 e lode), Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, 7- Matteo Favareto (110/110 e lode), Università degli Studi di Torino, 8- Giuseppe La Ragione (110/110 e lode), Università degli Studi Parthenope di Napoli, 9- Cristiano Limardi (110/110 e lode), Università degli Studi "La Sapienza" Roma, 10- Giulia Zanetti (108/110), Università degli Studi di Verona. 

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:

ISCRIVITI

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok