EVENTI / Fa tappa a Roma il Mobility Innovation Tour

Mercoledí, 28 Novembre 2018

Roma, croce e delizia del trasporto pubblico locale. Un incontro per fare il punto e tracciare gli orizzonti resi percorribili dall’evoluzione tecnologica e dalla transizione energetica. È questo l’obiettivo dell’ultima data del Mobility Innovation Tour, una rassegna di cinque appuntamenti in cinque città italiane strutturati per delineare le prospettive offerte dall’innovazione al mondo del trasporto pubblico. Un percorso che, dopo aver toccato Milano, Torino, Firenze e Bologna, giunge al suo epilogo nella città eterna, venerdì 30 novembre, dalle ore 10, al centro congressi Cavour in via Cavour 50/A, con un convegno dal titolo “L’autobus è un bene pubblico. Da rinnovare”, realizzato in collaborazione con Cotral. Il focus sarà sul tema del rinnovo delle flotte di autobus. Un tema sentito in tutta Italia e che a Roma vive un particolare risalto, dal momento che la capitale ospita gli esempi di due polarità italiane: la flotta obsoleta di Atac e la straordinaria “rimonta” di Cotral, che nell’arco di un triennio, sotto la direzione di Arrigo Giana (oggi direttore generale di Atm Milano) e la presidenza di Amalia Colaceci, ha rinnovato la flotta mettendo in strada ben 427 nuovi autobus (dato aggiornato alla metà 2018) a cui si aggiungeranno altri 400 veicoli frutto di una gara bandita a inizio anno. Nel rispetto di quanto disposto dalla Regione Lazio, Cotral ha annunciato che investirà annualmente il 2% del corrispettivo del contratto di servizio nell’acquisto di nuovi mezzi. Nel 2015, solo tre anni fa, l’azienda regionale pubblicava gare senza la copertura finanziaria per acquistare i mezzi. Una situazione precaria, non troppo distante da quella in cui versa oggi Atac, piegata da 1,4 miliardi di debiti e forte di una flotta con 13 anni di età media. 

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:


ISCRIVITI

Commenti:

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok