ANITA / Trasporto e logistica incontro al futuro

Lunedí, 19 Giugno 2017

La rivoluzione digitale di Industria 4.0, incentrata su processi sempre più automatizzati e interconnessi, è il tema scelto da Anita, l’Associazione del trasporto e della logistica di Confindustria, per la propria Assemblea annuale. È stato Carlo Ratti del MIT di Boston, direttore del Senseable City Lab e inserito da Wired nella lista delle 50 persone che cambieranno il mondo, a descrivere lo scenario del futuro che coinvolge l’intera società. Il Presidente di Anita Thomas Baumgartner, appena riconfermato alla guida dell’Associazione per il prossimo quadriennio, ha salutato gli ospiti e gli imprenditori intervenuti e ha introdotto il tema dell’Assemblea, soffermandosi su come “il settore deve cogliere le opportunità che si presentano, in un periodo di grandi cambiamenti, come quello che stiamo vivendo, che sarà sempre più caratterizzato dalle innovazioni tecnologiche, dalle strade intelligenti, dai veicoli connessi e a guida autonoma, dalle infrastrutture stradali tecnologicamente avanzate”. “Nei prossimi anni, tali innovazioni influenzeranno profondamente il modo di fare impresa anche nel settore del trasporto e della logistica, in Italia, in Europa e a livello globale. Il futuro porterà a una mobilità delle merci più sicura, sostenibile, digitale, integrata, e le imprese di trasporto e logistica devono adattare i propri processi ai nuovi paradigmi introdotti da Industria 4.0”. A Bruxelles, intanto, ci si appresta a ridisegnare l’intero impianto normativo che governa il settore, con il pacchetto "Europa in movimento" con la finalità di favorire maggiore competitività e più efficienza nella mobilità. “L’Associazione – ha dichiarato Baumgartner – pur condividendone lo spirito e gli obiettivi, ha già preso le dovute distanze sulle modifiche relative al cabotaggio stradale proposte dalla Commissione. L'eliminazione del numero delle operazioni consentite nel Paese ospitante è una modifica che non ci possiamo permettere, almeno fino a quando non saranno raggiunte condizioni di esercizio armonizzate”. La discussione è appena agli inizi, ma dal momento che oltre il 72% delle merci che transitano al Brennero sono trasportate da vettori stranieri e, mentre i trasporti dei vettori UE15 sono diminuiti, quelli dei vettori dell’Est sono aumentati fino al 700%, ANITA ha già chiesto al Governo di seguirne l’iter normativo con la massima attenzione, mettendo in campo tutti gli strumenti atti a garantire l’efficace tutela delle nostre imprese e dei nostri lavoratori. “Chiediamo, inoltre, un progetto sostenibile per il trasporto stradale inserito in quello generale della logistica, che tenga conto delle innovazioni già presenti e di quelle che si affacceranno sul mercato nei prossimi anni, come il Platooning e l’Ecocombi”. “La vera sfida è quella di diffondere il più possibile una cultura orientata all’innovazione, che passa attraverso le sperimentazioni, seguendo l’esempio di altri Paesi europei. Auspico quindi che il tavolo tecnico di approfondimento tra tutti i soggetti coinvolti sulla sperimentazione dei veicoli EMS, sia avviato quanto prima e che esso riesca a sciogliere le riserve finora manifestate”. Sarà ancora l’uomo, tuttavia, il protagonista del cambiamento, non soltanto la tecnologia. Ci sarà bisogno, infatti, di persone sempre più qualificate, capaci di adattarsi alle innovazioni e ai ritmi dettati dai nuovi paradigmi dell’era digitale. “I benefici a lungo termine si estenderanno su molteplici fronti: promuoveranno l’occupazione e la crescita del capitale umano, stimoleranno gli investimenti e lo sviluppo dell’economia, avranno un impatto positivo anche su ambiente, sicurezza e competitività. Benvenuto futuro”, ha concluso Baumgartner.

Compila il seguente modulo per ricevere la nostra newsletter:


ISCRIVITI

Commenti:

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok